Home / Senza categoria / Spegnete la TV! Accendete la Curiosità!

Spegnete la TV! Accendete la Curiosità!

“Ale ieri a Ballaro’ hanno detto che non e’ vero che avete un piano carceri”, “Ale dalla Marta Merlino ti hanno dato del nazista”,
“Ale qualcuno in studio ha detto che sei un pericolosissimo comunista”, “Ale il questore Dambruosio sta gettando fango sul 5 stelle ad Agora’”.
Basta!
Ragazzi ricevo tanti, troppi, vostri carinissimi messaggi di aggiornamento su quel che si dice di noi in quella magica e morente scatola nera che si chiama televisione. La conoscete l’etimologia della parola televisione? La parola e’ stata coniata dal prefisso greco tele, “a distanza”, e dal latino video, “vedere”. Vedere a distanza! Non e’ un caso. Conosci l’etimologia delle parole e capirai il mondo.
La prima sera che arrivai a Buenos Aires mi feci un “asado”, quando assaggiai un pezzo di quella carne squisita (oggi non mangio più carne, scelta etica anche se mi mi manca molto) dissi: “perbacco, questa e’ la prima volta che mangio carne in vita mia”. Quando nel 2005 arrivai in una comunità formata da ex-guerriglieri in Guatemala (andai a fare l’insegnante) trovai un bellissimo villaggio senza elettricità e chiaramente senza televisioni. Di notte divoravo libri su libri alla luce di una candela. Dopo un anno passato con loro dissi: “perbacco, questa e’ la prima volta che mi informo in vita mia!”.
La TV e’ uno strumento che crea distanza e, nell’informazione, in politica, nelle relazioni umane sono i dettagli che fanno la differenza. La TV, anche quando non mente, genera passività, distanza, non sviluppa quella qualità prettamente umana che fa andare avanti il mondo: la curiosità. Forse sposta qualche voto, forse, ma non accende assolutamente quella passione politica (al di la’ del colore) che e’ linfa vitale per costruire uno stato in mano ai cittadini.
Anche per questo ho scelto di non andare in TV (magari ogni tanto faro’ qualche eccezione) e preferisco andare a casa di sconosciuti in carne ed ossa. Io non ho la TV, non mi manca affatto, mi sento più libero, non mi si gonfia il fegato come accade a qualcuno di voi. Il web, i libri o un bicchiere di vino con qualcuno mi accendono la curiosità, la TV la svilisce. Ora voi fate quel che vi pare (io vi consiglio di spegnerla, come per chi smette di fumare passata la prima settimana ci si rende conto che se ne può fare a meno anzi ci si sveglia più in forma) ma vi prego, smettetela di inviarmi messaggi con scritto quel che la TV dice di noi, se mi interessasse minimamente la vedrei non trovate?
Ma, “francamente me ne infischio”.

Con affetto.