Home / Senza categoria / REGIONALI CALABRIA – EMILIA ROMAGNA: Che cosa è successo

REGIONALI CALABRIA – EMILIA ROMAGNA: Che cosa è successo

Quasi il 70% degli italiani ODIA questo sistema criminale. Lo odia a tal punto che la smette di andare a votare.

Renzi non tira più. Dopo 9 mesi gli italiani si sono resi conto delle sue balle. La stessa cosa succederà a Salvini. Forza Italia non esiste.

MA NOI DOBBIAMO PENSARE A NOI. Non è sufficiente restituire soldi o tagliarsi lo stipendio (a proposito valutate chi tra di noi lo fa e chi non lo fa). Non è sufficiente presentare proposte in Parlamento se tanto la maggioranza le boccia sempre. Non serve fare gli “istituzionali” se gli italiani, GIUSTAMENTE, non credono in queste Istituzioni.

Gli italiani non votano più i partiti perché odiano il sistema, è chiarissimo. Ma è altrettanto chiaro che molti di loro vedono anche noi come PARTE DEL SISTEMA.

Perché succede? Perché stiamo sempre qui dentro, nella ruota del criceto. In questo Palazzo privo di senso. Dove stiamo 16 ore al giorno quando le decisioni importanti le prendono a Bruxelles, ad Arcore, in qualche paradiso fiscale o a Corleone.

E allora che senso ha discutere nelle commissioni con un governo sordo che deve solo eseguire gli ordini delle LOBBIES? A cosa serve?

CITTADINI TRA CITTADINI. Questo siamo! E questo dobbiamo tornare ad essere. Meno “derive istituzionali” e più territorio. Ma non agorà dove il parlamentare è diventato una star e si fa i selfie con gli attivisti.

Vogliono trivellare un territorio? Benissimo, noi andiamo e ci mettiamo in mezzo. Nonviolenti ma non sudditi! Equitalia ci uccide? Noi si va e si impedisce uno sfratto! Ci arresterebbero? Va bene!

Che ci arrestino perché difendiamo gli ULTIMI, non perché rubiamo soldi pubblici!

Non era questo il Movimento? E questo tornerà ad essere. Gli inceneritori ci fanno ammalare di cancro? Noi ci incateneremo ai cancelli degli inceneritori! Ma cosa aspettiamo?

In 4 occasioni durante questa legislatura abbiamo marcato la nostra differenza:

1. Quando i partiti erano arroccati a Montecitorio ad eleggersi Napolitano e noi fuori con la gente a gridare RO-DO-TA’
2. Quando siamo saliti su quel tetto a difendere la Costituzione. E se Renzi lo ricorda sempre come esempio negativo significa che era un esempio POSITIVO
3. Quando abbiamo fatto di tutto pur di difendere i soldi degli italiani durante lo scempio del decreto IMU-Bankitalia
4. Quando ci siamo accampati in tenda davanti al Ministero dell’economia per OBBLIGARLI ad aprire il fondo per le PMI dove versiamo i nostri stipendi tagliati

Noi siamo il MOVIMENTO. Non un partito politico solo più pulito degli altri.

Beppe, come spesso accade, ci aveva visto lungo mesi fa quando ci suggerì di uscire da questo POSTRIBOLO di massoni.

Qualcuno resti a studiare decreti per denunciare le indecenze. Gli altri nelle piazze, con gli operai a prendere manganellate se necessario. Con gli studenti lucani a difendere il territorio. Con gli imprenditori a manifestare davanti Equitalia.

Torneremo tutti in aula quando occorrerà. Quando i nostri voti saranno decisivi sul serio (vedi votazioni su arresto Genovese PD o Galan FI; vedi cacciata di Berlusconi dal Senato; vedi votazione corte costituzionale dove abbiamo impedito l’elezione di Violante).

Poi, magari, qualche incursione televisiva selezionata. E’ utile, sono d’accordo. Ma OCCHIO A VEDERE LA TV COME SOLUZIONE! La TV ci omologa ad un sistema che gli italiani detestano!

Impediamo una trivellazione in Sicilia facendo da scudo. Vedrete come ne parlerà la TV!

Siamo convinti che questa strada ci farà avvicinare ai CITTADINI, i nostri datori di lavoro. Anche a quelli che ci vedono purtroppo come il “pezzo pulito del Palazzo”. Noi non siamo così ed è compito nostro dimostrarglielo. A riveder le stelle!