Home / Senza categoria / SOLUZIONI M5S: Alimentazione e stile di vita

SOLUZIONI M5S: Alimentazione e stile di vita

La proposta di legge (pdl) che vi presento oggi riguarda “L’alimentazione, la salute e la sostenibilità ambientale del nostro stile di vita” ed è a prima firma del mio collega Mirko Busto, Commissione Ambiente alla Camera. C’è …una strettissima correlazione tra ciò che mangiamo, come ci sentiamo e come sta il pianeta in cui viviamo.
a
Cominciamo dal primo dato di cui tenere conto: la correlazione tra ciò che mangiamo e come ci sentiamo.
Negli ultimi 50 anni il consumo di alimenti animali è più che raddoppiato andando ben oltre i valori massimi raccomandati (rapporto FAO 2009). Le conseguenze sulla salute delle persone – cancro, infarto e ictus, solo per nominare le più diffuse – sono gravissime e non c’è bisogno di statistiche per renderci conto che sono sempre più diffuse nel cosiddetto “primo mondo”.
a
Seconda correlazione: ciò che mangiamo e come sta il pianeta in cui viviamo.
a
L’eccesso del consumo di alimenti di origine animale comporta pesantissimi danni ambientali e l’eccessivo consumo di risorse quali suolo e acqua. Per non parlare delle sofferenze patite dagli animali negli allevamenti intensivi. Gli allevamenti intensivi causano quasi il 20% delle emissioni totali di gas serra, tra i principali responsabili del cambiamento climatico a cui stiamo assistendo (vi sembra poco? Pensate che il settore dei trasporti, che comprende tutti gli spostamenti su strada, treno, aereo e mare, incide per il 13% delle emissioni totali). Dicevo del consumo di suolo. Circa un terzo di tutta la superficie terrestre e ben il 70% delle aree coltivabili sono dedicate all’allevamento, pascolo o produzione dei mangimi che sia. Per avere un termine di paragone considerate che il suolo occupato da tutte le nostre città messe assieme copre “solo” il 3% della superficie del pianeta.Come cambierebbe il pianeta e la vita delle persone se parte di questo di questo suolo venisse adibita alla coltivazione di cibo non per gli animali, ma per gli esseri umani?
a
Purtroppo non è finita. Le risorse idriche si stanno esaurendo e si stima che entro il 2025 il 64% della popolazione del mondo (stiamo parlando di oltre 6 miliardi di persone) avrà difficoltà di approvvigionamento.Ebbene, mentre per produrre 1 kg di patate servono circa 500 litri di acqua, per 1 kg di manzo ne servono 100.000 litri. E poi c’è una considerazione più generale. Per produrre 1 kg di proteine di carne di manzo, per esempio, occorrono mediamente 16 kg di proteine vegetali. La crescente richiesta di carne e prodotti derivati nei paesi ricchi ed in quelli in via di sviluppo necessita quindi di enormi quantitativi di cereali per nutrire gli animali. La domanda crescente ne rende troppo costoso l’acquisto per i poveri del pianeta generando fame, miseria ed emigrazione. Un futuro equo e sostenibile è un futuro dove si dovrà arricchire e variare la nostra alimentazione mangiando meno carne.
a
Per tutti questi motivi e tenendo anche conto del fatto che sempre più persone, per ragioni di salute o etiche hanno scelto di limitare o eliminare gli alimenti di origine animale, questa proposta di legge offre l’inserimento di menù alternativi (senza alimenti di origine animale) in tutte le mense pubbliche (mense scolastiche, ospedaliere e degli enti pubblici) e propone, un solo giorno alla settimana, il consumo di alimenti esclusivamente di origine vegetale.
a
Come vedete nessuno vuole “vietare le bistecche per legge” come hanno scritto giornalisti incompetenti. Non si vuole affatto proibire la carne. Chiunque potrà mangiarne quanto vorrà. Qui si tratta di costruire un’alternativa. A questo serve il M5S! Io so che l’alimentazione è qualcosa di molto intimo e personale e nessuno di noi vuole obbligare a delle scelte. Tuttavia è compito del legislatore tenere conto delle necessità delle persone, dell’evoluzione della società e valutare gli effetti di un fenomeno (in questo caso l’abuso di carne), predisponendo delle leggi che permettano al cittadino di compiere scelte alternative per il beneficio dell’intera collettività.
a
Tralasciando per un istante l’etica e parlando di soldi, consideriamo anche che l’abuso di carne fa due cose: 1) causa l’aumento di malattie cardio-vascolari e 2) impoverisce il pianeta a livello globale, favorendo l’immigrazione. Ebbene è chiaro a tutti che questo ha una ricaduta diretta sul bilancio dello Stato italiano ovvero sulle nostre tasse. Questa legge del M5S agevola chi sceglie di ridurre il proprio consumo di alimenti animali e parallelamente permette di arricchire la varietà di alimenti sulle nostre tavole e quindi migliorare la cultura alimentare dei cittadini. In questo modo, l’Italia potrebbe porsi all’avanguardia nella tutela della salute, delle scelte alimentari e nel rispetto dell’ambiente. La proposta è sul sistema operativo LEX fino al 20 luglio. Partecipa e dai il tuo contributo per migliorarla!