Home / CHI SONO / Chi sono
chi sono

Chi sono

Sono Alessandro Di Battista, 34 anni e sono di Roma.

Sono laureato con lode in Discipline delle Arti della Musica e dello Spettacolo (DAMS) e ho una specializzazione in Tutela Internazionale dei Diritti Umani (Master alla Sapienza).

Dopo la laurea lavoro un anno come cooperante nelle giungla del Guatemala occupandomi di educazione e progetti produttivi nelle comunità indigene. Torno in Italia e lavoro per AMKA onlus, un’organizzazione che porta avanti progetti di sviluppo nel sud del mondo. In AMKA mi occupo di comunicazione, formazione e progetti in Guatemala.

Nel 2008 parto per il Congo dove mi dedico al micro-credito e all’istruzione. Sempre nel 2008 lavoro all’UNESCO Italia occupandomi di diritto all’alimentazione.

Nel 2010 parto con un biglietto di sola andata per il Sud America per raccogliere materiale per un libro sulle nuove politiche continentali. In Patagonia studio il fenomeno delle fabbriche recuperate dagli operai dopo la crisi, in Cile sostengo la lotta del popolo Mapuche. In Bolivia mi occupo di sovranità alimentare e condizioni di vita dei minatori. Studio l’impatto sulla popolazione dei progetti ENEL in Cile e Guatemala, lavoro con i lebbrosi nel lebbrosario di San Pablo in Amazzonia. In Ecuador mi occupo di orti urbani e giustizia indigena; in Colombia, Perù, Nicaragua di lotta al transgenico, riforma agraria e movimenti contadini. In Colombia studio i fenomeni criminali (narcos, paramilitarismo, sicariato).

Dal 2011 collaboro come giornalista con il blog di Beppe Grillo. Pubblico un reportage sui disastri di ENEL-Guatemala sul quale viene aperta un’inchiesta parlamentare.

Nel 2012 la Casaleggio Associati mi commissiona un libro sui sicari sudamericani. Parto per Ecuador, Panama, Guatemala e Colombia e mi concentro sull’origine del fenomeno e sulle possibili soluzioni (legalizzazione droga, riforma agraria, socializzazione dell’economia, decrescita).

Nel 2008 mi sono candidato con la lista Amici di Beppe Grillo alle comunali di Roma.

Parlo spagnolo, inglese e portoghese.