Home / ATTIVITA' PARLAMENTARE / Caso Marò e “Burocrazia Italiana”

Caso Marò e “Burocrazia Italiana”

Dopo 113 giorni d’attesa (il M5S l’ha chiesto in aula il 27/03), le prese in giro dei colleghi del PD per i quali “è già disponibile” e la superficialità del Parlamento intero nella gestione della vicenda OGGI, su ulteriore nostra richiesta in commissione informale, il Commissario Straordinario De Mistura ci ha consegnato brevi manu questo documento che attesta che la fattispecie d’imputazione dei fucilieri Massimiliano Latorre e Salvatore Girone non include la possibilità di pena di morte.

Gli abbiamo chiesto anche il motivo di tutta questa attesa e la risposta è stata “sfugge anche a me, burocrazia italiana“.

Questa, qualora ce ne fosse ancora bisogno, è l’ennesima prova che quando il M5S indaga e interroga i responsabili in aula lo fa sempre con coscienza, lucidità e precisione.

A riveder le stelle!