Home / ATTIVITA' PARLAMENTARE / Caso Kazakistan: è un onore “urlare” la verità in aula

Caso Kazakistan: è un onore “urlare” la verità in aula

Caso Kazakistan – un Parlamento serio, dopo la vergognosa vicenda Alfano farebbe immediatamente due cose:

1. L’istituzione di una Delegazione Parlamentare (non solo M5S) che si rechi in Kazakistan a parlare con le autorità kazake e faccia visita alla donna e alla bimba per verificare che stiano bene.

2. Procedere urgentemente (Presidente Boldrini SVEGLIA!) alla costituzione delle delegazioni parlamentari presso le assemblee internazionali. La delegazione parlamentare presso l’OSCE, ad esempio, potrebbe lavorare in quella sede affinché il Kazakistan (Paese che nel recente passato ha assunto la Presidenza dell’OSCE) rispetti i diritti umani e accetti di restituire all’Italia Alma Shalabayeva e sua figlia Aula.

I casi Abu Omar, Battisti, Latorre e Girone e ora il caso Shalabayeva dimostrano quanto, 20 anni di berlusconismo e finto anti-berlusconismo, un anno di tragico governo tecnico e il governo dell’inciucio perenne abbiano fatto perdere prestigio internazionale al nostro Paese. Non contiamo più nulla! Grazie B., grazie D’Alema (soprattutto per il bombardamento di Belgrado), grazie Prodi, grazie Monti e grazie Letta. Grazie anche al Ministro degli Esteri Bonino per i suoi eloquenti silenzi e per la “prontezza” con la quale ha reagito. Alfano non lo ringraziamo, tanto non se ne accorgerebbe.

Il M5S non sta a guardare!

Questo intervento straordinario di Carlo Sibilia lo abbiamo scritto a piu’ mani (Commissione Affari Esteri M5S e altri fratelli del MoVimento) sulla relazione di Alfano alle Camere. Questo e’ il M5S! E’ un onore “urlare” la verita’ in aula, lo facciamo per tutti voi.

Siamo vostri Dipendenti! Condividete l’intervento di Carlo e quello di Giarrusso che al Senato è stato fantastico.

A riveder le stelle!