Home / Senza categoria / 10 DOMANDE ALLA BOSCHI: NUMERO 2
10 domande alla boschi 2

10 DOMANDE ALLA BOSCHI: NUMERO 2

Potere, banche, massoneria. Uomini della I repubblica coinvolti, altro che rottamazione. E il modo in cui (salvo rare e preziose eccezioni) i media cercano di oscurare la vicenda è un segnale chiaro della sua gravità.

Ho deciso di fare 10 domande alla Boschi. Vi chiedo una mano. Condividetele (anche sulla sua pagina), la Boschi è una rappresentante del popolo italiano e ha il dovere di rispondere alle domande.

Dovete sapere che ad oggi la legge che regola il conflitto di interessi in Italia è la legge Frattini (fatta durante il governo Berlusconi). Una legge che prevede che “i titolari di cariche di governo si astengono dal partecipare a deliberazioni collegiali in situazione di conflitto di interessi”. Traduco: se un ministro è in conflitto di interessi con il provvedimento che si sta approvando è sufficiente che esca dal consiglio durante la votazione del provvedimento stesso. Una totale buffonata che infatti il PD criticava aspramente quando era all’opposizione. Oggi invece non solo non critica più la legge Frattini, addirittura la sfrutta. Infatti la Boschi pare che abbia abbandonato i consigli dei ministri che decidevano su Banca Etruria. Ed è stato proprio il suo abbandono a confermare la sussistenza del conflitto di interesse non trovate?

SECONDA DOMANDA:
Ministro Boschi, perché ha abbandonato quei consigli dei ministri che hanno deciso su Banca Etruria se non c’era conflitto di interessi?

Boschi rispondi!